Privacy Policy

Bibliografia

Bibliografia italiana

Libri

Rovesciare le istituzioni. Un “messaggio” o una “sfida”

Armando Armando Editore, Roma 1973

Contro le certezze delle istituzioni che imprigionano l'immaginazione e rendono insensibile il cuore.

 

Descolarizzare la società

Mondadori, Milano 1972

E' stato al centro del dibattito pedagogico internazionale con la tesi che la scuola produce la paralisi dell'apprendimento e danneggia i ragazzi, educandoli a diventare meri funzionari della macchina sociale moderna. Convinto che il sistema educativo occidentale fosse al collasso sotto il peso della burocrazia, dei dati e del culto del professionalismo, combatteva i diplomi, i certificati, le lauree, insieme all'istituzionalizzazione dell'imparare. Affermava che un adulto sarebbe in grado di apprendere i contenuti di dodici anni di scuola in uno o due anni.

 

La convivialità

RED, Como 1993

Il testo fondamentale dell'ecologia politica, in cui si dimostra che l'origine di ogni inquinamento industriale sta nei divieti e ostacoli alle culture solidaristiche e comunitarie di uso della natura che contengono la chiave per un percorso di liberazione.

 

Nemesi medica. L’espropriazione della salute

RED, Como 1991)

Esamina i danni alla salute prodotti dalla crescita dell'organizzazione sanitaria, uno degli aspetti della nocività dello sviluppo industriale. Il sistema medico della società moderna non è solo produttore di danni alla salute con terapie spesso menomanti, ma anche con la medicalizzazione della vita come sostituzione dei necessari provvedimenti politici per rendere l'ambiente salubre.

 

Le professioni mutilanti

Cittadella, Assisi 1978)

 

Disoccupazione creativa

Red Como

In questo testo si si dimostrano le ambiguità storiche su cui si fonda la moderna identificazione del lavoro col lavoro salariato. Solo distruggendo questo tabù si potranno creare le condizioni per una piena occupazione.

 

Illich risponde dopo "Nemesi medica"

(a cura di L.Bovo e P. Bruzzichelli), Cittadella, Assisi (PG) 1978

 

Per una storia dei bisogni

Mondadori, Milano 1981

Descrive la modernizzazione della miseria, cioè l'organizzazione dell'impotenza del cittadino ad agire autonomamente per la crescente dipendenza da merci e servizi industriali la cui necessità è imposta da una casta di esperti.

Contiene Energia ed Equità che si concentra sull'analisi del sistema dei trasporti e vi si dimostra come elevate quantità di energia degradino le relazioni umane con la stessa ineluttabilità con cui inquinano la natura.

 

Lavoro-ombra

Mondadori, Milano 1985)

Lavoro Ombra, del 1981, sviluppa ancora il tema della formazione della scarsità attraverso la distruzione delle comunanze, su cui, nel loro aspetto di lavoro domestico femminile, si riposa il lavoro salariato, trasformandole appunto nella propria ombra sfruttata.

 

Il genere e il sesso. Per una critica storica dell’uguaglianza

Mondadori, Milano 1984)

La scomparsa del genere maschile e femminile e l'invasione dei rapporti fra uomo e donna da parte del sesso è dimostrata come la decisiva condizione dell'ascesa di un modo di vivere dipendente da merci prodotte industrialmente.

 

H2O e le acque dell’oblio

Macro Edizioni, Umbertide 1988)

Questo libro dimostra storicamente come l'acqua, da sostanza inesauribile che alimentava il corpo insieme allo spirito e all'immaginazione, è divenuta una formula inquinata di chimica industriale, dalla cui depurazione dipende la sopravvivenza umana.

 

Nello specchio del passato

RED, Como 1992

Svela le radici storiche dei luoghi comuni della modernità dimostrando la loro inconsistenza

 

Nella vigna del testo. Per una etologia della lettura

Cortina, Milano 1994

Particolarmente ricordato anche dai medioevalisti come uno straordinario commento al Didascalicon di Ugone di S. Vittore sul passaggio dalla lettura monastica a quella scolastica.

 

 

Contributi in libri collettivi

 

L’altra faccia della carità

Metamorfosi del clero

America latina: parole come armi, Jaca Book Edizioni 1968

 

Capovolgere le istituzioni

in Illich in discussione, a cura di G.Cavallini, Emme Edizioni, Milano 1974 , pp. 23-58)

 

Descolarizzare, e poi?

in Descolarizzare, e poi? Contro l’abuso conservatore del concetto di descolarizzazione, a cura di G.Cavallini, Emme Edizioni, Milano 1978, pp. 9-32)

 

Le professioni mutilanti

Le professioni mutilanti, Assisi 1978, Cittadella editrice

 

Il valore vernacolare

Il potere di abitare, Rimini 1982, Libreria Editrice Fiorentina

 

Il diritto alla disoccupazione creativa

Autocostruzione e tecnologie conviviali, Bologna 1980, Ed. Clueb

 

La metamorfosi del pagano, ovvero l'intolleranza terapeutica

in L'intolleranza: uguali e diversi nella storia, a cura di P.C. Bori, Il Mulino, Bologna 1986, pp.219-226

 

Bisogni

in Dizionario dello sviluppo, a cura di W.Sachs, Edizioni Gruppo Abele, Torino 1998 , pp. 61-83)

 

 

Prefazioni a libri di altri

 

Prefazione a 

Sachs, Wolfgang: Scuola dell’obbligo e controllo sociale

Assisi 1980. Cittadella editrice

 

 

Articoli

 

Legge anglo-americana e società conviviale

Humanitas, n.3, marzo 1972, pp. 191-206

 

La società desiderabile

Bozze 79, Edizioni Dedalo, novembre 1979

 

Intervista a Illich

Rivista anarchica, April 1980

 

Incontro con Ivan Illich

Testimonianze 222, 3/1980

 

Il silenzio è una zona di libertà collettiva

Tandem 15/16, Bozen 1984

 

Riflessioni sull’era tecnologica

Azione nonviolenta 8/9, 1984

 

Non sappiamo più ascoltare

Intervista di Mauro Suttora, in: Libertaria, Jahrgang 3, Nr.4, Oktober-Dezember 2001.

 

Prigionieri della libertà

Discorso pronunciato l'8 novembre 1996 al Netherlands Design Institute di Amsterdam, in: Libertaria, Jahrgang 3, Nummer 4, Oktober-Dezember 2001.

 

L'ossessione della salute perfetta

Le monde Diplomatique, März 1999

 

Intervista ad Ivan Illich

L'inventario della Fierucola, 21/22, August 2002

Newsflash

RITORNO A CUERNAVACA NEL NOME DI IVAN ILLICH

RITORNO A CUERNAVACA NEL NOME DI IVAN ILLICH

Read more...